Benvenuti a bordo Afroitaliani-su sta nave non s'affonda

 

Razzismo all'italiana

Scopri delle avventure di un'afroitaliana nella mitica Val Padana sul mio nuovo libro.

La prefazione è firmata Cécile Kyenge!

Acquistalo qui.

Vuoi adottarlo nella tua città? Puoi farlo qui!

How music dies


Esplora voci e culture dal mondo attraverso il testo più hot sulla world music, firmato dal produttore Grammy, Ian Brennan. E sogna attraverso le foto della sottoscritta per catapultarti in villaggi sconosciuti, deserti sconfinati e isole proibite. In inglese, per puri cultori musicali;D

Acquistabile qui!

Social

Salvate Marie-Claire, dal Rwanda!

 

 

 

 

SALVATE MARIE-CLAIRE!

 

La bambina con l'occhio gonfio è Marie-Claire. Viene dal Rwanda, paese di mia madre, e soffre di un tumore terminale a occhio e cervello.

Aiutateci a salvarla, ha solo 11 anni ed è orfana di madre.

Cliccate qui per donare.

Per saperne di più, cliccate qui

 

SUPPORT AFRICAN MUSIC

 

 

 

ECCO PERCHE' LA PRIMA BAMBOLA DI MIA FIGLIA E' NERA

 

“Il primo ricordo che ho di bambina risale a una botta potente che mi procurai cadendo dall’altalena. Ero preoccupata. Per me e la mia bambola; bianca naturalmente, e vestita di rosso. Ora che ci penso, tutte le mie bambole erano bianche. Anche i bambolotti che papà comprò a me e mia sorella, e che noi chiamavamo i nostri bambini”.

(tratto da Razzismo all’italiana-cronache di una spia mezzosangue)

Bambolotto bianco+bambina nera=

complesso esistenziale

 

 

Acquistami qui;D

 

Me lo trascinavo dappertutto, ed era il gemello di quello di mia sorella. Lo lavavo, pettinavo e gli davo il biberon. A quel bambolotto che urlava: “ti sposerai con un uomo dalla pelle chiara se no io vengo fuori nero”. Quel nero che a lungo ho detestato da bambina, perché causa delle sofferenze più atroci. Per tutti ero la negretta, quella sporca e da evitare, nonché da sfottere con tanto di coro sullo scuolabus.  

 

 

Crescendo ho imparato che il corpo non ha colore, solo le memorie.

Da piccola non vedevo la mia pelle come bella, liscia, sana. Ma come una barriera insormontabile tra me e le persone normali. Quelle con la pelle chiara, lontane dagli sguardi derisori dei bambini e quelli giudicanti degli adulti. 

La consapevolezza del mio colore sbocciò fra i banchi della prima elementare, a Ciserano (Bergamo). I bimbi cattivi hanno marcato la mia epidermide di cicatrici memorabili. Mi ci è voluta una vita a rimuoverle, anche se non del tutto. 

 

 

Oggi sono una donna e mamma in equilibrio -o quasi. Ho accettato il mio colore, infatti lo amo. Mi amo. Ho impiegato una vita a rimuovere i complessi dalla pelle troppo nera, i capelli come paglia, le labbra troppo grosse… Grazie a un marito che mi ha sempre amato al naturale, incitandomi a lasciare i capelli ricci e a metter via piastra e sapone sbiancante. Grazie ai miei viaggi in giro per il mondo, che mi hanno mostrato la diversità, ridimensionando le mie priorità. 

 

 

Sulla mia carta d’identità non c’è scritto il mio colore, ma ciò che faccio. E ciò che faccio, lo amo. Fotografo e documento musicisti da tutto il mondo. E scrivo. Che cosa fanno le persone che mi hanno preso in giro da bambina, oggi? Sarà una coincidenza, ma uno di quelli più agguerriti (che chiamerò, diciamo, Omar -sì, caro, sei proprio tu!) lo rividi anni addietro come addetto al distributore di benzina, nello stesso paesino in cui mi aveva sfottuto. Non che la sorte sia stata migliore per gli altri meno stronzi. Anzi, sai che ti dico caro Omar? Grazie! Perché senza di te non sarei quella che sono oggi. Imperfetta, sì, ma fortemente sicura di me. Mi hai aiutata ad essere selettiva con la mia cerchia d’amici, a prendere una posizione forte da adulta, a viaggiare per incontrare gente diversa da te. E così a crescere, maturare, imparare. E volare oltre i confini del razzismo spicciolo. A questa prospettiva, secondo me, deve puntare chi è vittima di bullismo.

 

 

Lo auguro a mia figlia. A partire da una bambola nera. Perché capisca che il mondo è fatto di tante sfumature. Dopo la bambola nera ne seguirà una con la pelle mista come la sua. Ne seguiranno di asiatiche e ispaniche, e anche di caucasiche. Sembra una sciocchezza, ma una bambola influenza più di un insulto, più delle botte e delle canzoncine derisorie. 

Bambolotto nero+parole d’amore=

felicità

 

 

 

Potrebbero anche interessarti:

 

BAMBOLE NERE, ASIATICHE E ISPANICHE: ALLA FACCIA TUA CARA BARBYE  

 

 

RAZZISMO ALL'ITALIANA: IL MIO NUOVO LIBRO

 

ADOTTA UN LIBRO AFROITALIANO! 

 

UNA COPPIA AFROITALIANA: IN ITALIA NON E' FACILE

 

 

Comments

April 25, 2017 @07:15 am by — Christine
 

voglio la tua bambola!!!!

April 24, 2017 @02:23 am by — rosa87
 

Anche io da piccolina ne avevo una molto simile alla tua, ma non proprio così bella. Ha marcato la mia infanzia quella bambola, però è vero anche che ero l'unica ad avere una bambola nera. Le mie amiche avevano solo barbye o cicciobello..

April 21, 2017 @10:52 pm by — Alessandra
 

Anche mia figlia ne vorrebbe una così è propriobella. D'accordissima sututto, una bambola nera ha un ruolo più importante di ciò che si pensa.

April 21, 2017 @12:56 pm by — marilena
 

Ciao Romina, l'ho acquistata su amazon.com negli USA, purtroppo non consegnano in Italia, mi spiace:/

April 21, 2017 @09:48 am by — Romina
 

Questa bambola è proprio bella! Dove la posso trovare? Grazie

Leave a comment:

  •