Benvenuti a bordo Afroitaliani-su sta nave non s'affonda

 

Razzismo all'italiana

Scopri delle avventure di un'afroitaliana nella mitica Val Padana sul mio nuovo libro.

La prefazione è firmata Cécile Kyenge!

Acquistalo qui.

Vuoi adottarlo nella tua città? Puoi farlo qui!

How music dies


Esplora voci e culture dal mondo attraverso il testo più hot sulla world music, firmato dal produttore Grammy, Ian Brennan. E sogna attraverso le foto della sottoscritta per catapultarti in villaggi sconosciuti, deserti sconfinati e isole proibite. In inglese, per puri cultori musicali;D

Acquistabile qui!

Social

Salvate Marie-Claire, dal Rwanda!

 

 

 

 

SALVATE MARIE-CLAIRE!

 

La bambina con l'occhio gonfio è Marie-Claire. Viene dal Rwanda, paese di mia madre, e soffre di un tumore terminale a occhio e cervello.

Aiutateci a salvarla, ha solo 11 anni ed è orfana di madre.

Cliccate qui per donare.

Per saperne di più, cliccate qui

 

SUPPORT AFRICAN MUSIC

 

 

 

Platani fritti per tutti

Appetitosi, sfiziosi, misteriosi, stuzzicanti. In un aggettivo: africani. Sono i platani, oggetto della mia più totale adorazione da qualche anno a questa parte. Neanche da molti in realtà. Mia mamma ha iniziato a cucinarmeli da quando sono cresciuta; da quando ho riscoperto le mie radici africane amandole e facendole emergere con tutta la loro forza. Forza: questo piatto così semplice e così grande.

Originario della Malesia, il platano è una banana consumata molto anche in Africa. Lo si può trovare verde, quindi vuol dire che è ricco di amido e ha un sapore simile a quello della patata; giallo, con un apporto maggiore di zuccheri; e nero, quando è al massimo grado di dolcezza e quindi è ideale se consumato all'interno di un dessert.

A noi interessano i platani verdi, più croccanti e quindi perfetti da mangiare fritti.

Partiamo dall'ABC. Prendiamo i nostri bei platani (mamma ne ha scelti due come contorno per 4 persone, ma se voi stasera siete famelici abbondate) e tagliamoli a rondelle.

Ora mettiamoli in una padella o pentola con dell'abbondante olio di girasole (abbondante non vuol dire un bagno, stile Mc Donald).

E infine adagiamoli su della carta da cucina per assorbire l'olio in eccesso e saliamoli.

Tadàààà! Ve lo dico subito: da oggi vi scorderete delle patatine fritte perché i platani sono molto ma molto meglio!

Parola di un'afroitaliana;D

Comments

June 10, 2015 @12:51 pm by — Giselle
 

Anche io li faccio. Non conoscevo la differenza nel colore. Grazie, buoni davvero.

June 10, 2015 @12:49 pm by — Hanneke
 

Che buoni, li devo provare. Hanno un bell'aspetto!

Leave a comment:

  •