Benvenuti a bordo Afroitaliani-su sta nave non s'affonda

 

Razzismo all'italiana

Scopri delle avventure di un'afroitaliana nella mitica Val Padana sul mio nuovo libro.

La prefazione è firmata Cécile Kyenge!

Acquistalo qui.

Vuoi adottarlo nella tua città? Puoi farlo qui!

How music dies


Esplora voci e culture dal mondo attraverso il testo più hot sulla world music, firmato dal produttore Grammy, Ian Brennan. E sogna attraverso le foto della sottoscritta per catapultarti in villaggi sconosciuti, deserti sconfinati e isole proibite. In inglese, per puri cultori musicali;D

Acquistabile qui!

Social

Salvate Marie-Claire, dal Rwanda!

 

 

 

 

SALVATE MARIE-CLAIRE!

 

La bambina con l'occhio gonfio è Marie-Claire. Viene dal Rwanda, paese di mia madre, e soffre di un tumore terminale a occhio e cervello.

Aiutateci a salvarla, ha solo 11 anni ed è orfana di madre.

Cliccate qui per donare.

Per saperne di più, cliccate qui

 

SUPPORT AFRICAN MUSIC

 

 

 

Gelato italo-rwandese²: anguria=goduria

Siamo all'inizio di agosto, nel cuore dell'estate. Come non gustarcela appieno con questo gelato che profuma d'Africa e Italia allo stesso tempo... Per gli amanti dell'anguria, per chi soffre il mal d'Africa, per chi soffoca nella calura di quest'estate: la mia ricetta del gelato all'anguria.

Cominciamo con gli ingredienti base: una bella anguria matura, due banane, mezzo bicchiere di latte di riso (io lo scelgo di riso per rendere questa delizia vegan friendly). Potete anche aggiungere mezzo vasetto di yogurt greco (se lo desiderate ancora più denso).

A questo punto tagliate l'anguria a metà, svuotatela e riducetela a pezzetti eliminando i semini. Per quattro/sei persone avremo bisogno solo di metà anguria.

Dopodiché frulliamo i nostri ingredienti.

A questo punto possiamo versare il liquido denso all'interno della nostra bella gelatiera.

La mia gelatiera richiede una mezzoretta di tempo per lavorare il gelato. Nel frattempo riponiamo la metà vuota dell'anguria nel frigorifero.

A tempo ultimato recuperiamola e versiamoci il gelato fresco fresco.

Oops, a forza di fotografare, il gelato mi si stava già sciogliendo;D

Per aggiungere un tocco finale potete spolverare della cannella o aggiungere un goccio di vodka. Vi assicuro che vi disseterà al massimo. E la cosa straordinaria di questo gelato è che è vegano, multiculturale (il frutto africano si sposa con la gelatiera italiana), leggero (non dovete aggiungere zucchero o miele, la vostra lingua sarà già appagata dalla frutta) e idratante al massimo. Come dire, mangiare il gelato senza il senso di colpa. Io e mio marito, ancora una volta, lo abbiamo finito in due (vedi gelato al melone).

Un abbraccio a tutti amici di gola, e buona estate!

 

Comments

August 06, 2015 @02:28 pm by — Elena
 

troppo buonooo!

August 06, 2015 @04:10 am by — René
 

Allora, questo gelato me lo fai e me lo porti perché è irresistibile. Grazie per la ricetta, oggi vado a comprare la gelatiera...

August 05, 2015 @04:38 am by — Ines
 

Ma che bello questo gelato, lo proporrò alla mia compagnia. Io vado matta per l'anguria. Mi piace anche l'idea della cannella e del goccetto di vodka. La proverò anch'io grazie

August 04, 2015 @12:44 pm by — Greta
 

Un altro gelato italo ruandese. Quello al melone mi è piaciuto molto, anche questo lo inserisco nel ricettario. Anguria e melone sono i miei frutti preferiti

August 04, 2015 @11:54 am by — Rachida
 

io sono vegana e questo gelato proverò a farlo con mia figlia. Non è facile trovare gelato vegano in giro quindi conviene farlo a casa. Grazie dell'idea, bella.

Leave a comment:

  •