Benvenuti a bordo Afroitaliani-su sta nave non s'affonda

 

Razzismo all'italiana

Scopri delle avventure di un'afroitaliana nella mitica Val Padana sul mio nuovo libro.

La prefazione è firmata Cécile Kyenge!

Acquistalo qui.

Vuoi adottarlo nella tua città? Puoi farlo qui!

How music dies


Esplora voci e culture dal mondo attraverso il testo più hot sulla world music, firmato dal produttore Grammy, Ian Brennan. E sogna attraverso le foto della sottoscritta per catapultarti in villaggi sconosciuti, deserti sconfinati e isole proibite. In inglese, per puri cultori musicali;D

Acquistabile qui!

Social

Salvate Marie-Claire, dal Rwanda!

 

 

 

 

SALVATE MARIE-CLAIRE!

 

La bambina con l'occhio gonfio è Marie-Claire. Viene dal Rwanda, paese di mia madre, e soffre di un tumore terminale a occhio e cervello.

Aiutateci a salvarla, ha solo 11 anni ed è orfana di madre.

Cliccate qui per donare.

Per saperne di più, cliccate qui

 

SUPPORT AFRICAN MUSIC

 

 

 

Gelato italo-rwandese

 

Summertime! Tempo di nuotate, frutta esotica e quindi... gelato! Oggi lo prepariamo all'italo-rwandese, sposando una macchina del gelato italiana insieme a una formula tutta rwandese. Eh eh! Curiosi? Curiosi del gelato o delle statuette che vi guardano beffarde accanto a questo bel cesto goloso? 

Loro ve li presento alla fine della ricetta, per il momento concentriamoci sul gelato. Partiamo dagli ingredienti base: melone e banana (due frutti ben consistenti che compatteranno alla grande il nostro ice-cream). Dividiamo il melone in due parti, svuotiamolo dei semini, e tagliamo a pezzetti il contenuto (io in questo caso ne uso metà, il quantitativo sarà sufficiente per 4/6 persone). Stessa procedura per le 2 banane (questo è facoltativo).

 

 

Aggiungiamo un bel bicchiere di latte. Io lo scelgo al riso o alla soja, trasformando così la mia opera in gelato vegano. E' anche per questo che mi sono decisa a farlo in casa. Non si trova ovunque un buon gelato vegano, e di solito i gusti sono limitati (almeno dalle mie parti).

 

 

E ora il tocco finale. Un pizzico di cannella (cannella amata, che mamma Miry usa assai nelle sue ricette).

 

 

E ora frulliamo i nostri ingredienti. Dopodiché versiamoli nella nostra bella macchinetta del gelato.

 

 

Attendiamo una buona mezz'ora (la mia gelatiera impiega dai 20 ai 40 minuti). Nel frattempo mettiamo la metà del melone che abbiamo svuotato in frigo, sarà la nostra barchetta nel momento in cui verseremo il gelato.

 

 

Tataratàààààà! Dopo una buona mezz'ora, il nostro gelato è bello che pronto! Lo serviamo nella barchetta, lo spolveriamo con un po' di cannella, e lo serviamo ai nostri ospiti (in questo caso io e mio marito -ebbene sì, lo abbiamo finito in due!).

Non è splendido mangiare il gelato senza ombra di sensi di colpa? Ogni giorno, come nel mio caso (ogni giorno mi piace cambiare ricetta). Ah, dimenticavo, le due statue di legno le ho prese durante il mio primo viaggio in Rwanda. Visto che facevo il gelato, hanno deciso di farci compagnia!

Un abbraccio a tutti e buona estate!

 

Comments

July 22, 2016 @04:29 am by — Fatima
 

Buonissimo!!!

July 20, 2015 @07:50 am by — Maurizia
 

Gelato rwandese, da provare...Anche qui ci sono 40°C, aiuto!

July 19, 2015 @05:35 am by — James
 

Ma che buono, voglia di prendermi una macchinetta del gelato e provare anch'io...

July 19, 2015 @04:47 am by — Rita
 

Buono questo gelato, mi piace l'idea della cannella.

Leave a comment:

  •