Benvenuti a bordo Afroitaliani-su sta nave non s'affonda

 

Razzismo all'italiana

Scopri delle avventure di un'afroitaliana nella mitica Val Padana sul mio nuovo libro.

La prefazione è firmata Cécile Kyenge!

Acquistalo qui.

Vuoi adottarlo nella tua città? Puoi farlo qui!

How music dies


Esplora voci e culture dal mondo attraverso il testo più hot sulla world music, firmato dal produttore Grammy, Ian Brennan. E sogna attraverso le foto della sottoscritta per catapultarti in villaggi sconosciuti, deserti sconfinati e isole proibite. In inglese, per puri cultori musicali;D

Acquistabile qui!

Social

Salvate Marie-Claire, dal Rwanda!

 

 

 

 

SALVATE MARIE-CLAIRE!

 

La bambina con l'occhio gonfio è Marie-Claire. Viene dal Rwanda, paese di mia madre, e soffre di un tumore terminale a occhio e cervello.

Aiutateci a salvarla, ha solo 11 anni ed è orfana di madre.

Cliccate qui per donare.

Per saperne di più, cliccate qui

 

SUPPORT AFRICAN MUSIC

 

 

 

Sono stufa di scusarmi perché sono nera

Si chiama Nykhor Paul ed è una delle top model più in vista del momento. 25 anni, sudanese, corpo statuario e un cervello niente male. La sua fondazione We are Nilotic, che lavora per portare pace alle 64 tribù del Sud Sudan, si è da poco aggiudicata il premio models.com Humanitarian Award.

Sfila per le grandi case di moda come Balenciaga e Vivienne Westwood  e ora si è decisa a urlare la sua frustrazione. Ecco la lettera indirizzata al mondo della moda che ha pubblicato su Instagram

“Care persone bianche del mondo della moda. Per favore non prendetela male ma è ora di tirarvi insieme quando avete a che fare con la nostra pelle. Perché mi devo sempre portar dietro il makeup a una sfilata quando tutte le altre ragazze bianche non devono fare altro che presentarsi e che ca***! Non cercate di farmi sentire inferiore perché sono un blue black, è il 2015, andate da Mac, Bobbi Brown, Makeup forever, Iman cosmetic, black opal, perfino Lancôme e Clinique ne hanno a non finire. Ci sono un sacco di opzioni per le varie tonalità di incarnato scuro al giorno d’oggi. Un makeup artist professionale deve presentarsi al lavoro preparato e con una ricerca alle spalle perché sappia cosa fare, specie prima di una sfilata. Smettetela di scusarvi con me e la mia razza, è offensivo e privo di rispetto, non serve a niente, dico sul serio. Ma fate almeno uno sforzo. E questo vale per NYC, Londra, Milano, Parigi, Capo Verde più tutti quei posti che si fanno i problemi con la pelle nera. Solo perché non lavorate con molte di noi, non avete il diritto di farci sembrare trash. Sono stufa di lamentarmi perché non lavoro di più come modella nera e stufa anche di scusarmi del mio essere nera!!! La moda è arte, l’arte non è razzista e dovrebbe includere tutti, non solo le persone bianche. Ca*** la moda è nata in Africa e voi l’avete solo rimodernata e copiata. Perché non possiamo tutti far parte della moda, pienamente e equamente?”

 

Lo sfogo di Nykhor, manco a farlo apposta, arriva a distanza di poche settimane dal servizio di Teen Vogue sui twist africani. Durante il suo soggiorno proprio nel mio Rwanda, la direttrice della rivista, Elaine Welteroth, ha avuto l’idea di fare un servizio dedicato a questo tipo di acconciatura (tipico dell’Africa Occidentale). Risultato? Modelle tutt’altro che nere con in testa i twist senegalesi. Question: ma che c’entra? 

E tornando alla nostra amica Nykhor. Il suo post conta più di 21.000 Mi Piace.

 

 

Comments

August 13, 2015 @01:34 pm by — Marilena
 

Cara Francesca, purtroppo la discriminazione nel mondo della moda c'è sempre stata. Solo da poco c'è una nuova presa di coscienza sul soggetto. Pensa che una mia amica, ex fotografa d'alta moda, ha lasciato una famosa rivista di moda americana per il modo orrendo con cui avevano trattato una modella africana. Lei si era rotta la gamba durante un photo shoot e non le hanno spesato le cure mediche. Da allora non ha neanche più potuto continuare a sfilare. Le si è rivoltato talmente lo stomaco che ha lasciato tutto ed è andata a insegnare arte e fotografia in Africa. Anyway. C'è ancora molta strada da fare...

August 13, 2015 @01:00 pm by — Francesca
 

Io ho lavorato per anni come modella per le ditte di abbigliamento. Sono mulatta e ogni volta alle sfilate c'erano problemi per truccarmi e ovviamente per i capelli. Le mie sfilate non erano certo di alta moda come quelle di questa modella, ma io un razzismo così forte come quello trovato in questo mondo, non l' ho mai incontrato!

August 03, 2015 @10:23 am by — Annette
 

Ragazzi siamo messi male se i make-up artist d'alta moda non hanno il fondotinta nero nel 2015, ma come si fa?

August 03, 2015 @07:34 am by — Giuditta
 

Vero, anch'io ho sempre fatto fatica a trovare il colore giusto. Comunque è triste pensare che i professionisti del mestiere non hanno il fondotinta per chi la pelle ce l'ha nera. Mah...

August 03, 2015 @04:23 am by — Marilena
 

Cara Rita, rispetto il tuo punto di vista, effettivamente la cosa è ridicola. Eppure pare sia quello che succede nel 2015!!! Anch'io c'ho messo anni prima di trovare il make-up del mio incarnato, solo recentemente se ne trova sul mercato italiano. Pensa che io addirittura me lo faccio da sola (anzi ti invito a dare un'occhio sul mio post alla voce "Pellissima") http://www.afroitalian.it/pellissima/fondotinta_in_polvere_fai_da_te/

August 03, 2015 @04:07 am by — Rita
 

Io non ci credo invece. Che oggigiorno i make-up artist non hanno il fondotinta giusto per le top model mi sembra improbabile.

August 03, 2015 @03:51 am by — Mistique
 

Altro che sfogo, questa top model è proprio incazzata. Comunque io ci credo che anche nel mondo dell'alta moda, i professionisti mancano degli strumenti del mestiere. Nel 2015, come dice lei, è una vergogna...

August 03, 2015 @02:10 am by — Raffaella
 

Assurdo, come si fa a non avere il fondotinta del giusto colore? Ha fatto bene a sfogarsi via Instagram...

Leave a comment:

  •