Benvenuti a bordo Afroitaliani-su sta nave non s'affonda

 

Razzismo all'italiana

Scopri delle avventure di un'afroitaliana nella mitica Val Padana sul mio nuovo libro.

La prefazione è firmata Cécile Kyenge!

Acquistalo qui.

Vuoi adottarlo nella tua città? Puoi farlo qui!

How music dies


Esplora voci e culture dal mondo attraverso il testo più hot sulla world music, firmato dal produttore Grammy, Ian Brennan. E sogna attraverso le foto della sottoscritta per catapultarti in villaggi sconosciuti, deserti sconfinati e isole proibite. In inglese, per puri cultori musicali;D

Acquistabile qui!

Social

Salvate Marie-Claire, dal Rwanda!

 

 

 

 

SALVATE MARIE-CLAIRE!

 

La bambina con l'occhio gonfio è Marie-Claire. Viene dal Rwanda, paese di mia madre, e soffre di un tumore terminale a occhio e cervello.

Aiutateci a salvarla, ha solo 11 anni ed è orfana di madre.

Cliccate qui per donare.

Per saperne di più, cliccate qui

 

SUPPORT AFRICAN MUSIC

 

 

 

Contro il razzismo Day

 

Finalmente sono tornata in Italia. Ero partita a metà gennaio per l’Africa e a febbraio sono volata negli USA, dopo un toccata e fuga a Roma per la presentazione del mio libro. E ora?

La prima cosa che faccio quando torno a casa è disfare la valigia (anche se sono disidratata, anche se sono sudicia, anche se non ho chiuso occhio sull’aereo), prepararmi una bella tazza di tè in cui affogherò una barretta di cioccolato (già, questa è una delle mie 1000 “peculiarità” -vedi cibo da tagliare a pezzetti con le bacchette cinesi), e andare a fare la spesa (per disintossicarmi dal cibo aeroportuale).

Sicché cucino un bel minestrone (indifferentemente dalla stagione dell’anno), chiedo a mio marito di prepararmi la kesra, e dopo una bella doccia, vado di film. Una manciata di ore dopo, sarò inevitabilmente in piedi a vagare per la casa perché in piena fase jet lag.

Insomma, ci vuole una settimana buona per ritornare al mio 100%. Ma c’è una cosa che non mi dimentico: ci stiamo avviando verso il 21 marzo, un mese che non solo ci regala la festa delle donne, ma anche la Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Discriminazione Razziale.

 

Il massacro di Sharpeville.

Dopo aver scritto “Razzismo all’italiana -cronache di una spia mezzosangue”, libro sulla mia esperienza di afroitaliana nella roccaforte leghista per eccellenza, Bergamo, non potevo certo farmela sfuggire. A proposito, sto organizzando una tournée del libro e se volete ospitare il mio evento, le vostre proposte sono più che benvenute!

 

Acquista il mio libro qui! La prefazione è firmata Cécile Kyenge.

La Giornata Internazionale della discriminazione Razziale è una ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite per commemorare i morti del massacro di Sharpeville, Sudafrica: 300 poliziotti uccisero i manifestanti neri che chiedevano di farsi arrestare, perché sprovvisti del lasciapassare per circolare nelle aree bianche (provvedimento “Urban Areas Act"). Correva l’anno 1960 e quell’episodio ricordò alla storia il pesante tributo pagato al razzismo. 

56 anni dopo, questo 21 marzo, Afroitalian vuole ricordare con voi le vittime di quell’episodio e di tutti gli episodi che hanno ucciso (fisicamente e psicologicamente, se non spiritualmente) persone responsabili unicamente di avere un colore non bianco.

 

 

I miei viaggi mi hanno portata a conoscere tantissime persone. Uomini, donne e bambini da cui ho imparato a non giudicare prima di conoscere. Soffermarsi sull’aspetto, il colore, la religione, il sesso, l’età, più tutte quelle cose superficiali prive di contenuto, è pura ignoranza. 

Viaggiare mi ha insegnato un’altra cosa: ascoltare, perché è ascoltando che ho imparato a crescere culturalmente e umanamente, una cosa che nessuna laurea di nessun tipo mi ha saputo dare.

 

L'Apartheid in Sudafrica, raccontato da João Silva.

A gennaio, quand’ero in Malawi, ho avuto l’onore di conoscere João Silva, fotografo che ha vinto un Pulitzer grazie ai suoi reportage proprio sull’Apartheid. E mentre gli parlo della mia esperienza e lui condivide la sua con me, mi rendo conto che anche se apparentemente diversi, un filo sottile ci accomuna. Lui è bianco, e ha usato la fotografia per denunciare il razzismo in tutti i modi possibili. Io sono nera, e faccio la stessa cosa ma in scala molto, molto più piccola. E come noi, come voi, ci sono un sacco di persone là fuori che si fanno in quattro per abbattere il razzismo: attraverso un’amicizia, un amore, un libro, una canzone…

Basta poco, perché amare viene più facile che odiare, non trovate?

Ps: L'amico Matthieu Toglo organizza a Verona una manifestazione a cui invito tutti a partecipare. Per maggiori informazioni: matteotoglo@gmail.com 348 5902709

 

Ti potrebbero anche interessare:

 

RAZZISMO ALL'ITALIANA: 

IL MIO NUOVO LIBRO

 

UN'AFROITALIANA IN AMERICA 4: GRAMMY'S, RED CARPET E BENEDIZIONI A GO GO

 

UN'AFROITALIANA IN AMERICA3:

BLACK HISTORY MONTH, BIT***S!

 

AFRICA-ITALIA: DI DANZE TRIBALI, CALCIATORI MOLESTI 

E UN LIBRO CHE SPACCA

 

 

 

Comments

March 10, 2016 @12:20 am by — Greta90
 

Sono d'accordo appieno con le tue parole, il razzismo è solo questione di ignoranza. 21 marzo, segnato sul calendario!

March 09, 2016 @01:00 pm by — Gabriele97
 

No al razzismo!

Leave a comment:

  •